//Pioggia e siccità, un autunno agli estremi

Pioggia e siccità, un autunno agli estremi

di | 2020-07-05T06:40:44+02:00 5-7-2020 6:44|Controluce|0 Commenti

Ormai è assodato, non ci sono più le stagioni di una volta quando ad aprile entrava la primavera, a metà agosto rompevano i tempi e l’autunno annunciava il suo imminente arrivo. A novembre era già inverno. Ma si sa, l’Italia è lunga e dal punto di vista meteorologico Milano non è Palermo. Comunque sia a nord che a sud i cambiamenti climatici si mostrano evidenti. L’estate appena cominciata già offre le sue notevoli differenze: frequenti temporali a settentrione, fiammate di caldo al centro e al meridione.
E il futuro prossimo venturo non sarà diverso, l’arrivo della Niña sconvolgerà il nostro modo di vivere la stagione autunnale già a partire da settembre. Il fenomeno della Niña significa sostanzialmente un raffreddamento della temperatura delle acque superficiali dell’Oceano Pacifico centrale ed orientale dovuto a particolari condizioni climatiche che possono variare da un anno all’altro. Infatti questo evento non sempre si verifica ed anzi negli ultimi anni si è spesso mostrato con un fenomeno opposto: il Niño, ossia il riscaldamento delle acque del Pacifico. L’ultimo rilevamento della temperatura superficiale delle acque dell’Oceano Pacifico (maggio 2020) era superiore alla media stagionale (+0,8°C), mentre ora pare esserci un cambio di scenario con una tendenza al ribasso (+0,4°C). Meteorologi e ricercatori temono che nei prossimi mesi tale valore potrebbe scendere ancora, arrivando addirittura al di sotto dello zero.
E questo vuol dire che, se ciò venisse confermato, ci aspetta un autunno assai piovoso nelle zone del centro-settentrionale europeo, con effetti evidenti anche sulle regioni settentrionali d’Italia.
Diversa la situazione climatica invece per il Centro-Sud dove la temperatura salirà oltre la media e le piogge saranno assai scarse, con il rischio più che concreto di lunghi periodi di siccità anche nella stagione autunnale.
Lo stesso Centro Europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine conferma queste previsioni nelle sue mappe stagionali, evidenziando un deficit pluviometrico piuttosto marcato.
Insomma sarà questo l’autunno 2020? La meteorologia, pur essendo una scienza esatta, è soggetta a cambiamenti repentini dei dati e quindi stravolgimenti delle previsioni soprattutto quando queste ultime sono a lungo termine. Aspettiamo certezze e intanto viviamo questa estate appena cominciata nella speranza che possa regalarci relax, divertimento al mare e ai monti. Del futuro ne riparleremo.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi