//Negli Usa si applica ancora la pena di morte

Negli Usa si applica ancora la pena di morte

di | 2022-12-18T06:57:45+01:00 18-12-2022 6:47|Controluce|0 Commenti

Gli Stati Uniti d’America sono attualmente uno dei 55 Stati al mondo in cui è prevista l’applicazione della pena capitale. A luglio scorso il Death Penalty Information Center, organizzazione con sede a Washington che si concentra sulla diffusione di studi e rapporti relativi alla pena di morte ha presentato il rapporto di metà anno riferito al primo semestre del 2022: 7 nuove condanne a morte e 7 esecuzioni. Gli Stati Uniti, quindi, si mostrano sulla buona strada per celebrare l’ottavo anno consecutivo con meno di 30 esecuzioni e meno di 50 nuove condanne a morte. Ma questo non basta, anche se la pena di morte diminuisce, ci sono alcuni Stati che tentano di aumentare le esecuzioni e la Corte Suprema americana continua a limitare i diritti d’appello dei condannati a morte e a pregiudicare l’applicazione giudiziaria dei diritti costituzionali degli imputati.

E non mancano le proteste

Da sottolineare che le condanne a morte e le esecuzioni, seppur relativamente poche, anche in questo semestre rimangono concentrate nelle solite poche giurisdizioni da sempre segnalate nei rapporti del Death Penalty Information Center e che fanno un uso intensivo della pena di morte pur non riuscendo con questa strategia ad abbassare il livello di criminalità nei distretti interessati.
E c’è da dire un’altra cosa, seppur poche le persone giustiziate appartengono alle cosiddette categorie svantaggiate e vulnerabili: uomini e donne affette da malattie mentali o disabilità intellettiva, e per diversi dei giustiziati ci sono e ci sono stati elementi che rendono credibili procedure legali non adeguate, ed elementi indiziari o probatori circa la possibile innocenza degli imputati sottovalutati o volutamente ignorati. Cinque dei 7 imputati condannati a morte nell’ultimo semestre sono di colore, 3 sono neri e 2 sono latini.

Polemiche anche sulle modalità delle esecuzioni

Fanno discutere anche le procedure tecniche e legali circa i protocolli dell’iniezione letale. Il DPIC, prendendo in considerazione le notizie di stampa, ha contato 7 nuove condanne a morte emesse in 5 stati da gennaio a giugno 2022. E’ bene ricordare che il conteggio che il DPIC fa da anni riguarda le nuove condanne, non quelle che scaturiscono da precedenti condanne annullate e che al termine del processo di rinvio generano la conferma della condanna precedente. Con 7 nuove condanne in un semestre si è più nel range delle 18 nuove condanne a morte comminate nel 2020 e del 2021, durante gli anni della pandemia in cui i processi hanno subito dei rallentamenti a causa delle norme sul distanziamento. Quanto alle esecuzioni, sono state 7 in 5 stati. Almeno 5 dei prigionieri giustiziati presentavano prove di una o più delle seguenti menomazioni significative: grave malattia mentale; lesione cerebrale, danno cerebrale dello sviluppo o un QI nella gamma di disabilità intellettiva; traumi infantili gravi cronici, negligenza dei genitori e/o abusi. Gli Stati dove sono state eseguite le esecuzioni sono Alabama, Arizona, Missouri, Oklahoma e Texas. L’azione e l’inazione della maggioranza conservatrice della Corte Suprema degli Stati Uniti nella prima metà del 2022 ha continuato a erodere l’applicazione giudiziaria delle protezioni costituzionali nei casi di pena di morte. La Corte ha anche rifiutato di riesaminare numerosi casi in cui i tribunali di grado inferiore non erano riusciti a far valere i diritti costituzionali dei condannati a morte. I problemi con l’iniezione letale hanno continuato a gettare un’ombra sulle esecuzioni.

In Oklahoma pochi giorni dopo che un giudice federale ha confermato il protocollo, lo stato ha chiesto di procedere con l’esecuzione di 25 persone, e il 1° luglio la Corte d’Appello ha emesso un’ordinanza che fissava le date delle 25 esecuzioni tra agosto 2022 e dicembre 2024. L’Arizona ha ripreso le esecuzioni dopo una pausa di 8 anni, ma entrambe le esecuzioni compiute hanno dimostrato la scarsa preparazione e l’addestramento inadeguato della squadra di esecuzione. Alcuni Stati hanno modificato le leggi nel tentativo di risolvere le difficoltà nel rifornirsi di farmaci letali. Florida e Idaho hanno approvato leggi sulla segretezza, consentendo l’anonimato ai fornitori di farmaci letali.
Rimangono rilevanti le polemiche sugli errori giudiziari. Il numero delle persone prima condannate a morte e poi, a volte a distanza di molti anni, assolte (esonerate è il termine statunitense) è salito a 189. Il conteggio, condotto dal Death Penalty Information Center all’interno del suo progetto “Innocence Database”, parte dal 1973.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi