//Università della Tuscia, l’ateneo che cresce

Università della Tuscia, l’ateneo che cresce

di | 2022-05-05T18:05:40+02:00 8-5-2022 7:05|Controluce|0 Commenti

L’Università della Tuscia cresce sia per quanto riguarda la situazione finanziaria, sia per gli investimenti in strutture, tecnologie e servizi agli studenti.
Il Senato Accademico e il Consiglio d’Amministrazione di Unitus hanno infatti approvato il bilancio consuntivo 2021 che conferma la grande solidità dell’ateneo viterbese.
I proventi operativi arrivano a toccare quasi 67 milioni, un valore mai raggiunto in precedenza. In particolare i proventi da ricerca ammontano a circa 9 milioni di euro, pari a oltre il 15% del totale, un valore molto elevato che già poneva l’Università della Tuscia al terzo posto in Italia nel 2021, secondo i dati recentemente resi noti dal Ministero dell’Università e della Ricerca.

Stefano Ubertini, rettore dell’Università della Tuscia

“L’elevata capacità di attrarre fondi di ricerca del nostro ateneo – ha sottolineato il rettore Stefano Ubertini – è un elemento di grande soddisfazione. I risultati mostrano che l’Ateneo è molto forte sia nel trasferimento tecnologico che nella ricerca competitiva. Siamo tra le prime università in Italia nonostante le evidenti differenze di contesto socio-economico rispetto a molte realtà del nord.”
Sulla stessa lunghezza d’onda Fabrizio Rossi, delegato al Bilancio dell’Università. “Il bilancio – ha affermato – mostra chiaramente quanta attenzione il nostro ateneo riservi agli studenti, al diritto allo studio, al controllo interno e alla gestione dei rischi considerato che i proventi da contribuzione studentesca rimangono pressoché inalterati rispetto all’anno precedente, malgrado l’aumento della no tax area e l’incremento del numero degli iscritti e l’aumento dei costi per sostegno agli studenti di quasi il 20%”.

L’Aula Magna dell’Unitus

Risultati questi che consentiranno all’Università della Tuscia di proseguire nella politica di investimenti utile anche per lo stesso territorio viterbese e di tutto l’Alto Lazio.
Infatti è già pronto un ambizioso programma di espansione per la didattica e la ricerca. Alle opere già in cantiere si aggiungono altri interventi in fase di progettazione per un investimento complessivo superiore a 10 milioni di euro come il recupero di diverse strutture sperimentali in Azienda agraria e presso le saline di Tarquinia, la costruzione di un nuovo edificio per la didattica e di una palestra omologata presso il Campus Riello e gli investimenti per il polo universitario a Rieti, dove al Laboratorio per l’innovazione della filiera olivicolo olearia si intende affiancare una infrastruttura di agricoltura digitale e meccatronica per la ricerca e l’innovazione della filiera agroalimentare e un centro di ricerca sull’economia circolare, in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi