//Il maltempo resiste: alt alla Primavera

Il maltempo resiste: alt alla Primavera

di | 2021-04-02T18:13:17+02:00 4-4-2021 7:05|Controluce|0 Commenti

Di corsa, riponete di nuovo nell’armadio l’abbigliamento primaverile, è in arrivo il colpo di coda dell’inverno. L’ultima settimana che aveva inondato di sole e di tiepide giornate tutta l’Italia ci aveva illuso facendoci credere che la buona stagione bussava alla porta.
Ma così non è, almeno secondo le proiezioni dei meteorologi che ormai con i sistemi più sofisticati difficilmente sbagliano.
Dopo una fase di caldo anomalo, nel primo weekend del mese di aprile, che coincide con le festività pasquali, già stiamo assistendo a un primo colpo di scena, con l’ingresso di una perturbazione in grado di riportare piogge e temporali, quantomeno sulle regioni centro-settentrionali. E dopo non andrà meglio. L’Italia dovrà fare i conti con un’improvvisa discesa di aria artica che destabilizzerà l’atmosfera per gran parte del mese di aprile.
Niente di drammatico secondo gli esperti, in primavera eventi così altalenanti possono considerarsi normali. Una situazione del tutto simile a quella prevista per i prossimi giorni si verificò già nel 2003. E proprio guardando indietro di 18 anni c’è chi parla di cause ed effetti.
La risalita dell’anticiclone delle Azzorre fino all’Islanda provocherà la discesa di aria molto fredda all’interno di una possente depressione sul suo bordo orientale e considerate le temperature del nocciolo freddo in quota (circa -10°C a 1450 metri) saremo in presenza di una sfuriata dalle caratteristiche più tardo-invernali che primaverili. Poi l’ingresso delle correnti instabili nel bacino del Mediterraneo dalla Porta del Rodano provocheranno la formazione di un minimo depressionario sul Mar Ligure.
Previsioni che, se confermate, ci offriranno un’Italia divisa in due con il Nord e le regioni centrali tirreniche investite da numerosee precipitazioni temporalesche e locali grandinate, proprio a causa dei contrasti che si verrebbero a creare nell’area di demarcazione tra il fronte freddo e la massa d’aria più mite e umida preesistente nella bassa troposfera. E non finisce qui, a causa dell’abbassamento termico, potrebbe tornare anche la neve, con fiocchi fin verso quote molto basse. Al Sud un’altra musica con lo scudo anticiclonico a fare da barriera e a garantire alle regioni meridionali un tempo più stabile, soleggiato e a tratti pure piuttosto caldo.
Mettiamoci l’anima in pace, per festeggiare l’arrivo della Primavera dovremo attendere ancora qualche settimana.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi