/, Sezione 2/Trionfo della carbonara al World Pasta Day

Trionfo della carbonara al World Pasta Day

di | 2018-10-28T07:18:04+01:00 28-10-2018 7:17|Enogastronomia, Sezione 2|0 Commenti
ROMA – Spaghetti, guanciale, pecorino romano, uova e pepe nero. Sono i cinque alimenti fondamentali che sapientemente preparati e dosati tra loro danno vita al piatto di pasta preferito dagli italiani: la carbonara. E’ il risultato della classifica stilata da Just Eat, la piattaforma per il cibo a domicilio presente al 20° World Pasta Day che quest’anno si è tenuto a Dubai. Al secondo posto di questa speciale classifica di gradimento si sono piazzate le tagliatelle al ragù mentre la lasagna scende dalla prima alla terza posizione. Il World Pasta Day nasce a Napoli nel 1998 per celebrare l’eccellenza della pasta italiana ed è organizzato come ogni anno dall’International Pasta Organization (Ipo), dall’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane (Aidepi) e dall’Italian Trade Agency (Ita), con lo scopo di far conoscere nel mondo, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la straordinaria cultura gastronomica del nostro Paese e confermare quanto la pasta sia diventata un patrimonio universale amato, apprezzato e riconosciuto da tutti. Le statistiche segnalano che dal 1998 i volumi di pasta consumati nel mondo sono notevolmente aumentati e l’Italia si distingue come Paese leader sia per produzione che per il consumo. In media, infatti, si consumano circa 23 kg di pasta a testa in un anno e le confezioni prodotte vengono esportate in circa 200 paesi, soprattutto verso Germania, Francia, Regno Unito, USA e Giappone. La conseguenza è che quasi un piatto di pasta su quattro consumato nel mondo proviene da un pastificio italiano e il nostro Paese con il 28% detiene il più alto tasso di esportazione di pasta del pianeta. Una spinta a mangiare pasta arriva anche da nutrizionisti e dietologi presenti al World Pasta Day che indicano una serie di accorgimenti per mangiarla senza ingrassare. Un primo consiglio è quello di scolare la pasta al dente per fermare la cottura sciacquandola in acqua fredda evitando così picchi glicemici che si potrebbero manifestare più facilmente con cotture troppo prolungate. Un altro suggerimento è di scegliere pasta integrale che permette di assumere quei carboidrati che mantengono inalterato il livello di zuccheri nel sangue rilasciando energia in maniera costante; inoltre, i nutrizionisti consigliano di mangiare verdura cruda prima di gustare un buon piatto di spaghetti (ma anche rigatoni…) sempre per facilitare l’assorbimento degli zuccheri. Tornando alla carbonara,  che più di ogni altro ha fatto parlare di sé al World Pasta Day di Dubai, va sottolineato che si tratta di una pietanza estremamente semplice e della quale non si conoscono esattamente le origini. Alcune fonti attribuiscono l’idea ai soldati americani della Seconda Guerra Mondiale che lo composero con quel poco che avevano: pasta, uova e bacon; altri ritengono che il piatto sia stato creato dai Carbonai durante i loro spostamenti sui monti e realizzato con il cibo che potevano trasportare: pasta uova e guanciale. La tradizione vuole che sia un piatto legato alla cucina romana, preparato con pochi alimenti facilmente reperibili: spaghetti o anche maccheroni, guanciale (no pancetta o speck), tuorlo d’uovo, pecorino romano e una bella “spolverata” di pepe nero. Purtroppo la carbonara, come molte altre pregevoli esclusive del made in Italy, viene a volte “maltrattata” da sperimentazioni estreme e fantasiose che nulla hanno a che vedere con la ricetta tradizionale capace di rende questa pasta unica nel suo sapore e nella sua genuina semplicità. Buon appetito.

Paolo Paglialunga

Nella foto di copertina, un splendido piatto di spaghetti alla carbonara  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi