/, Sezione 6/Polizia postale a caccia dei leoni da tastiera

Polizia postale a caccia dei leoni da tastiera

di | 2019-04-13T10:25:32+02:00 14-4-2019 6:25|Attualità, Sezione 6|0 Commenti

ROMA – Vive la propria vita virtuale nascosto e protetto dietro un anonimo nikename, termine in uso tra gli utenti di internet, è capace di offendere e giudicare gli altri con disprezzo e cattiveria, sempre presente sulle bacheche dei social network, si ritiene in grado di conoscere meglio di chiunque altro qualsiasi argomento e, volendo, di riuscire a renderlo insulso, banale. Crede di possedere una formazione intellettuale talmente elevata da poter sentenziare con il proprio inappellabile giudizio ogni iniziativa politica, sociale, culturale o sportiva.

E’ il ritratto della nuova figura dell’era moderna: il leone da tastiera. Sentendosi forte dietro il proprio falso profilo e forse non avendo nemmeno piena consapevolezza dei danni che la sua ferocia può provocare a chi sopporta inerme tante umiliazioni e malvagità, il leone da tastiera dà vita a quel comportamento tipico che talvolta sfocia nel cyberbullismo. Da alcune statistiche diffuse in Rete risulta infatti che circa il 34% degli episodi di bullismo tra i ragazzi oggi avviene online, attraverso le chat o i social più famosi e generalmente ad essere attaccati da questo fenomeno sono i giovani di età compresa tra gli 11 e i 19 anni i quali, intimoriti e umiliati, subiscono devastazioni psicologiche tali da indurli ad avere gravi ripercussioni nella vita sociale e caratteriale fino a culminare, nei casi più estremi, in gesti drammatici.  

Sono moltissimi gli episodi di cyberbullismo che quotidianamente trovano spazio tra le notizie di cronaca ed è giusto che di questo argomento se ne parli spesso e con maggiori competenze in modo da cercare di arginarlo il più possibile. A tal proposito la Polizia Postale con il progetto “Una vita social” (https://www.commissariatodips.it) ha messo in campo un’idea dinamica e interattiva, con un sito gestito direttamente dagli agenti di Polizia, per avere un filo diretto con chi subisce molestie e rischia di cadere vittima dei bulli online; inoltre sempre la Polizia Postale e le Polizie Locali delle varie province, organizzano con buona frequenza incontri esplicativi nelle scuole, coinvolgendo alunni, docenti e genitori e puntando l’attenzione su quei pochi e semplici consigli da utilizzare per difendersi da questo fenomeno perché è dimostrato che chi è vittima del cyberbullismo tende a chiudersi in se stesso, evitando di parlare o raccontare cosa gli sta accadendo e mostrando i tipici sintomi di ansia e depressione; le persone perseguitate hanno inoltre una minore autostima di se stessi con evidenti ripercussioni scolastiche e tendono a isolarsi lasciando da parte anche gli amici.

Quindi per prima cosa le vittime del cyberbullismo devono imparare a confidarsi, raccontando ai genitori, agli insegnanti o a persone adulte di fiducia le prepotenze subite; non devono rispondere alle minacce ma avvisare i propri amici di cosa gli sta capitando e denunciare il tutto alle forze di Polizia che con estrema riservatezza e impegno lavoreranno alla risoluzione del problema. Un errore che non si deve commettere è quello di lasciare campo libero a questi “leoni da tastiera” mentre invece molto spesso il fenomeno viene sottovalutato anche quando i giovani assumono degli atteggiamenti o nei modi di fare anomali che nascondono le verità più importanti ed è qui che torna ad elevarsi il valore della figura dei genitori perché se un ragazzo subisce dei soprusi e nessuno se ne accorge allora o questi adulti distrattamente pensavano ad altro oppure non hanno saputo svolgere con dedizione il proprio ruolo.

Paolo Paglialunga

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi