/, Sezione 3/La “plastica green” salverà oceani e uomo

La “plastica green” salverà oceani e uomo

di | 2018-07-07T11:23:42+02:00 8-7-2018 6:10|Attualità, Sezione 3|0 Commenti

ROMA – Aumentano sempre di più i rifiuti di plastica nei mari e negli oceani. “Great pacific garbage path” è uno dei grandi agglomerati di plastica che si è formato nel Pacifico fra la California e le Hawaii: una quantità spaventosa di rifiuti galleggianti di plastica portati e mantenuti dal gioco delle correnti oceaniche. Purtroppo, non è l’unico caso: ci sono negli oceani almeno altre quattro isole galleggianti di rifiuti di plastica che si sono creati a causa del cattivo smaltimento e dell’incuria dell’uomo. Se non si adottano gli opportuni provvedimenti per ridurre l’uso della plastica e migliorare il modo per smaltirla, il rischio è che entro il 2050 la massa di plastica negli oceani supererà in peso quella di tutti i pesci e il 99 per cento degli uccelli marini avrà ingoiato quantità più o meno elevate di residuati di plastica. Una soluzione al problema potrebbe essere una scoperta scientifica pubblicata sulla rivista Science e realizzata da un gruppo di studio del dipartimento di chimica dell’università del Colorado diretto da Eugene Chen. Si tratta di un polimero basato su una sostanza chiamata gamma-butirolactone, realizzato appunto in quell’ateneo americano. E’ forte, economico e non danneggia l’ambiente, può essere riciclato all’infinito e non inquina. Il nuovo materiale ha molte qualità della plastica ma, a differenza della prima, può essere scomposto e riciclato senza l’intervento di sostanze chimiche o consumi energetici massicci in quanto tale processo avviene a temperatura ambiente. Questo materiale green invece di macerare nelle discariche o negli oceani può essere collocato in un reattore e depolimerizzato. Il problema da affrontare è quello dei costi, ovvero bisogna lavorare per realizzare un materiale che sia anche economico da produrre. L’augurio è che la ricerca scientifica possa dare un contributo alla soluzione di questo grave problema. L’ambiente e l’uomo, in particolare, ne trarranno grandi benefici.

Silvia Fornari

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi