/, Spettacolo/Mamma mia!, alla fine l’amore trionfa sempre

Mamma mia!, alla fine l’amore trionfa sempre

di | 2018-10-18T19:18:18+02:00 21-10-2018 6:25|Sezione 6, Spettacolo|0 Commenti
ROMA – Un classico del musical che non tramonta mai. Ideato per Broadway (dove è andato avanti per ben 14 anni), diventato celebre anche grazie a un film portato al successo 10 anni fa da Meryl Streep, torna in scena al Teatro Sistina di Roma Mamma mia!, la nuovissima versione della favola musicale dell’estate dove trionfano l’amore e la musica, attraverso una produzione tutta made in Italy firmata da Massimo Romeo Piparo. La storia è  quella della giovane Sophie che in una piccola isola dell’arcipelago greco sta per sposare Sky, il ragazzo che ama; sogna di farsi accompagnare all’altare dal padre che non ha mai conosciuto. Dopo aver scoperto il diario e i segreti del cuore di Donna, una figlia dei fiori che praticava il sesso e l’amore ieri, una donna indipendente e piena di vita che gestisce un piccolo hotel sul mare oggi, Sophie, all’insaputa della mamma, invita alle nozze i suoi potenziali padri (tre) per scoprire chi di loro sia quello vero. Scoperta molto presto la loro presenza sull’isola, Donna li invita “amabilmente” a rimettersi in mare ma niente andrà come previsto perché gli Dei in cielo hanno lanciato i dadi e versato amore, tanto amore, nei calici… Mamma mia! è la storia di un’isola “assediata” dai padri e difesa dalle madri, un impasto di sentimenti che trova una dimensione spettacolare, sostenuta da un ritmo incalzante e impreziosita dalle “teatrali” canzoni degli Abba. La straordinaria partitura e i testi dell’irriducibile gruppo svedese interpretano i movimenti ariosi delle coreografie in esterni, raggiungendo una resa d’atmosfera sorprendentemente comunicativa mentre “cantano” il lamento d’amore di “The Winner Takes It All” o la carica liberatoria di “Dancing Queen”. La perizia della regia, la dimensione dello sforzo produttivo assicurerebbero soltanto la buona qualità della confezione se a vivificare e a imprimere al musical quel quid di magia, che lo illumina più del sole della Grecia, non ci fossero gli stupori, la recitazione incantata e la “faccia da musical” di un cast appropriato, equilibrato ed efficace. Nel ruolo di Sophie, con l’impegnativo compito di aprire e chiudere lo spettacolo, Eleonora Facchini, una voce pulita che fa precipitare lo spettatore all’interno di una storia che profuma d’estate, di sole, di mare, di musica e divertimento che emergono a singhiozzo grazie alla bravura della trascinante Sabrina Marciano convincente nel ruolo di Donna, cantante, ballerina, madre, rockettara, single romantica e più sognante che mai, bravissima,  divertente, talentuosa che incarna alla perfezione lo spirito giovane del personaggio ben accompagnata dalle compagne di avventura Elisabetta Tulli e Laura Di Mauro a cui sono affidati i momenti più apprezzabili dello spettacolo. E le presenze maschili? Nei panni dei “probabili” papà di Sophie  gli attori bravissimi e sempre affascinanti, Luca Ward, Paolo Conticini e Sergio Muniz amatissimi dal pubblico, nel ruolo di Sky Jacopo Sarno oltre a due  giovani artisti Alessandro Lanzillotti e Andrea Bratta che fanno da coro alle vicende familiari ingarbugliatissime a cui nonostante gli spazi ristretti sono affidati i numeri più corali e trascinanti dello spettacolo. Il cast, azzeccato, regala un musical allegro e coinvolgente sia per la bravura degli interpreti (vecchi e nuovi) che per la loro versatilità nell’interpretare ruoli recitati e cantati alternando ballate romantiche a pezzi più divertenti, tante le gag per cui ridere. Lo spettacolo scorre bene: un palco mobile permette alla scenografia, che lascia a bocca aperta gli spettatori, di adattarsi ad ogni situazione, con un pontile sospeso su vera acqua di mare, con una barca ormeggiata e un vero bagnasciuga. A rendere il tutto più reale ci penseranno poi gli 11 mila litri di acqua in scena , le pedane girevoli, una locanda dai caratteristici colori nelle sfumature del bianco e del blu e la bouganville alla finestra, tanto che sembrerà davvero di trovarsi nella atmosfere tipiche di una incantevole isoletta del Mediterraneo, con orchestra dal vivo, e le canzoni degli Abba, tradotte in italiano  con l’obiettivo di coinvolgere tutti. E quando si chiude il sipario le sorprese di certo non finiscono, grazie a una speciale “appendice” tutta da ballare: al termine dello spettacolo, infatti, il pubblico si scatena sulle note in versione “disco” della colonna sonora del musical. Nel tessuto musicale di questa imperdibile commedia romantica torneranno a risuonare successi senza tempo degli Abba come Mamma Mia, Dancing Queen, The winner takes it all e Super Trouper. Se il musical è favola, di tutte le favole Mamma mia! è forse la più bella.

Adele Paglialunga

Nella foto di copertina, un momento del musical Mamma mia!

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi