//Libertà di stampa: 52 giornalisti uccisi

Libertà di stampa: 52 giornalisti uccisi

di | 2018-12-14T12:10:21+01:00 16-12-2018 7:05|Controluce|0 Commenti

Del proprio lavoro si può anche morire; di giornalismo si può morire. Specialmente se fatto con passione, con dedizione e spirito di servizio, nei confronti dei lettori e dell’opinione pubblica il mestiere di cronista si può trasformare in un pericolo fisico e morale per la propria incolumità.

 

Time Magazine ha scelto i giornalisti perseguitati per la ricerca della verità come “Persone dell’anno’ 2018”. Il riconoscimento a “I guardiani e la guerra della verità” è andato in particolare a Jamal Khashoggi, alle cinque vittime della sparatoria nella redazione della Capital Gazette, e ad altri tre giornalisti: la filippina Maria Ressa e i due reporter della Reuters arrestati in Myanmar, Wa Lone e Kyaw Soe Oo.

 

Secondo Time Magazine nel 2018 sono stati 52 i giornalisti che hanno perso la vita nell’esercizio della propria professione. E c’è da considerare anche coloro che sono stati aggrediti e hanno riportato ferite o chi ha subito conseguenze psicologiche gravi. Questo avviene ogni giorno, in tante parti del mondo compresa l’Italia.

 

Oltre al saudita Khashoggi, il cui assassinio nel consolato di Istanbul è diventato un caso di rilevanza internazionale, Time ha voluto sottolineare altre vicende di giornalisti perseguitati o uccisi. Maria Ressa, autrice di articoli critici sulla politica del presidente filippino Rodrigo Duterte, è stata incriminata il mese scorso per evasione fiscale e rischia fino a dieci anni di carcere. Ex giornalista della Cnn, dirige ora il sito di news Rappler. Wa Lone e Kyaw Soe Oo sono due giornalisti della Reuters in carcere da un anno in Myanmar. A settembre sono stati condannati a sette anni di detenzione per aver ottenuto documenti confidenziali sulla persecuzione della minoranza etnica dei Rohingya. La sparatoria nella redazione della Capital Gazette ad Annapolis, in Maryland, è del 28 giugno: a compierla un uomo che si sentiva diffamato dagli articoli del giornale sulla sua condanna per stalking. (AdnKronos – Washington, 11 dicembre 2018).

 

La libertà di stampa, ancora oggi, troppo spesso si paga cara.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi