/, Sezione 5/“La chiesa della solitudine”, Grazia Deledda femminista

“La chiesa della solitudine”, Grazia Deledda femminista

di | 2020-03-15T10:58:22+01:00 15-3-2020 6:20|Cultura, Sezione 5|0 Commenti

NUORO – “La chiesa della solitudine” è stato l’ultimo romanzo di Grazia Deledda. L’opera, del 1936, presenta la protagonista che, come l’autrice, è malata di tumore. Grazia Deledda muore infatti poco dopo a Roma il 15 agosto 1936, lasciando un’opera incompiuta che verrà pubblicata l’anno successivo, a cura di Antonio Baldini, con il titolo “Cosima, quasi Grazia”. La protagonista del romanzo è Maria Concezione, una donna che vive un duplice dramma: la malattia e l’amore negato. Il libro affronta il tema del cancro che affligge la protagonista, il lato oscuro della vita, il dolore, la sofferenza, i silenzi, le gioie e le inquietudini, il successo e la malattia che hanno segnato la qualità umana dell’autrice stessa.

È un breve romanzo. Lo stile è asciutto e diretto. La Deledda sembra quasi abbia la necessità di dire semplicemente le cose e ciò che rimane, dopo la lettura, è il ricordo di una bella storia triste. Il lettore rimane quasi rapito dal fraseggio e dalla storia narrata e sembra quasi conoscere meglio i pensieri e lo stato d’animo della scrittrice ormai prossima alla morte. È un romanzo meno celebre e meno impegnativo di altri ma più soggettivo e intimo, perché nella storia di Maria traspare tutto il dolore di Grazia, donna sofferente che ha preso coscienza del suo breve destino. Concezione è una donna che subisce un intervento al seno che le viene asportato. I medici le comunicano che, se sarà fortunata, potrà vivere altri dieci anni. Lei, dunque, si chiuderà in se stessa e rifiuterà ogni forma di amore terreno. La ragazza vive da sola con la madre in una casa annessa a una chiesa. Economicamente sta bene, ma conduce una vita semplice. Lavora come sarta e fa un po’ di beneficenza, accudendo la vecchia madre e chi è più sfortunato di lei. Ha deciso di negarsi all’amore ma è assillata da diversi spasimanti. Rifiuterà tutti e, sebbene con sacrificio, allontanerà anche l’unico uomo che le non le dispiace, Aroldo, che la ama per come è e non per il suo denaro.

Maria Concezione è una donna che si erge sopra tutti gli altri e che, in una società arcaica regolata da leggi ferree, dove una donna per sentirsi veramente completa deve assolutamente sposarsi, va contro ogni logica locale. Maria Concezione per l’epoca, il periodo fascista e una Sardegna rurale, è una donna rivoluzionaria, una sessantottina ante litteram che da un lato affronta con realismo e rassegnazione la condanna che le pesa sul capo come un macigno; dall’altro, invece, si mostrerà agli occhi di tutti combattiva. Infatti, tenendo nascosta la gravità del proprio male a tutti, rifiuterà le proposte di matrimonio e contesterà il fatto che una donna debba per forza sposarsi. Questa posizione della Deledda è davvero interessante per l’epoca in cui visse. Il romanzo si legge piacevolmente e introduce con la sua storia il lettore nelle pittoresche località, tradizioni, idee e retaggi della Sardegna. Il realismo della Deledda è ampiamente espresso in quest’opera dove le frasi sembrano piccole pennellate di un acquerello e il romanzo sembra quasi lo sfondo di un set cinematografico.

Il 10 settembre 1926 venne assegnato a Grazia Deledda il Nobel per la letteratura. Fu il secondo autore in Italia ad essere insignito di tale ambito riconoscimento in campo artistico, preceduta solo da Carducci venti anni prima, e resta finora l’unica scrittrice italiana premiata. Le diedero il Nobel perché dicevano che, attraverso la descrizione della sua regione natale e dei suoi abitanti, riusciva a trattare tematiche universali. In questo romanzo minore, forse, più che in altri questo è assai evidente.

Virginia Mariane

Nell’immagine di copertina, la scrittrice premio Nobel Grazia Deledda

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi