//Italia, va aggiornata la mappa della bellezza

Italia, va aggiornata la mappa della bellezza

di | 2018-12-02T23:43:24+01:00 2-12-2018 7:00|Punto e Virgola|1 Comment
C’è un’Italia, splendida e incorrotta, fuori dai tradizionali circuiti turistici, ma tutta ancora da scoprire e persino sconosciuta a chi ci abita a pochi chilometri di distanza. E’ l’Italia di territori incontaminati ma di straordinaria bellezza, dove ancora valgono (e servono) i contenuti umani dell’esistenza; dove il vicino di casa non è un nemico da guardare in cagnesco e nemmeno da salutare quando lo si incontra per le scale, ma una persona sulla quale poter fare affidamento in caso di necessità o anche solo per scambiare due chiacchiere per parlare del tempo; dove la vita è sempre a misura delle stagioni che passano (lì nessuno nemmeno si sogna di comprare e mangiare le ciliege a Natale o le arance a Ferragosto) e dell’uomo che le vive senza stress, talvolta falsi oppure ingigantiti ad arte.   Di questa Italia misteriosa e fantasiosa parla in uno splendido pezzo sul Corriere della Sera Franco Arminio: poeta, scrittore, regista, che è nato e vive tuttora a Bisaccia, nell’Alta Irpinia, terra flagellata e martoriata dal sisma del 1980. A proposito del quale scrisse nel 2005: “Venticinque anni dopo il terremoto, dei morti sarà rimasto poco. Dei vivi ancora meno”. E mai immagine fu così pregnante nel descrivere quello che è accaduto davvero in quelle lande nel corso dei decenni.   Il “viaggio” di Arminio è ricco e articolato, costellato di mete neppure immaginate. Chi si reca (e sono tanti) su quell’incantevole dedalo che è la Costiera Amalfitana, non ci pensa neppure a fare un salto nel parco del Pollino, tanto meno immagina di passare qualche giorno sulle alture dell’Irpinia d’Oriente “uno dei posti più belli dell’Appennino”. Certo, adesso il Salento è diventato una meta gettonatissima per le vacanze estive, ma Arminio invita a fare un salto per godere il “mare contadino” di Zapponeta, nel Foggiano, dove pure fino a qualche anno il Gargano era considerata tappa imprescindibile dai vacanzieri più “in”.  Sempre in Puglia tutti conoscono il prezioso barocco di Lecce, ma da lì chi si sposta per andare a Taranto, conosciuta solo come “città dell’acciaio” e non come sede di un magnifico museo della Magna Grecia e di un isolotto senza tempo che è la Città Vecchia?   E la Calabria? D’accordo Tropea, ma il fascino antico dell’Aspromonte è totalmente sconosciuto: “Un viaggio nello spazio e anche nel tempo”, chiosa lo scrittore. Pompei ed Ercolano con i loro scavi millenari attraggono frotte di curiosi e studiosi, ma nel dimenticato Molise c’è Sepino dove pure abbondano antiche vestigia d’epoca romana e dove non si paga il biglietto e non ci sono file per entrare.  La Sicilia non è soltanto Taormina o Siracusa o Agrigento, ma anche e soprattutto “l’emozionante spiaggia di Punta Faro dove i turisti sono assai meno dei pescispada”.   “Aggiornare la mappa della bellezza – aggiunge Franco Arminio – significa anche indagare le vicende della storia e quelle della geologia: la terra sarda ti fa sentire la sua vecchiezza ed è un sentire che fa bene”. E ancora: “Gli italiani devono convincersi che sono tutti dei ricchi possidenti. E questo perché il mondo ha tante bellezze, ma sono assai lontane tra loro, sono sparse… Invece noi la bellezza a volte la possiamo raggiungere anche a piedi. L’importante è uscire dalle piste consuete”.   C’è bisogno di aggiungere altro?   Buona domenica.

One Comment

  1. Angela Ristaldo 8 dicembre 2018 at 10:40 - Reply

    Verissimo! Bisogna educarsi a riconoscere la bellezza che trovi ad ogni angolo del nostro belpaese ma il brutto fa piú rumore!

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi