/, Sezione 8/Il sole artificiale esiste ed è nato in Cina

Il sole artificiale esiste ed è nato in Cina

di | 2018-12-14T13:21:01+01:00 16-12-2018 6:35|Attualità, Sezione 8|0 Commenti

FIRENZE – Il raggiungimento della fusione nucleare a fini energetici è l’obiettivo degli scienziati del China Institute of Physical Science, che hanno raggiunto un traguardo importante, che proietta in uno scenario futuristico e fantascientifico. Hanno pensato ad un sole artificiale, chiamato Experimental Advanced Superconducting Tokamak (EAST), che per la prima volta in assoluto è riuscito a raggiungere la temperatura record di 100 milioni di gradi Celsius. Una temperatura che risulta ben sei volte superiore a quella del sole (15 milioni di gradi Celsius), ovvero la temperatura minima necessaria per ottenere la fusione nucleare.

 

In EAST sono stati simulati tutti quei meccanismi presenti nella grande stella, nella quale l’enorme pressione permette agli isotopi del trizio e del deuterio (entrambe variazioni atomiche dell’idrogeno) di fondersi insieme, sprigionando ingenti quantitativi di energia. La creazione di reattori come EAST permetterebbero la produzione di energia pressoché illimitata, ma sopratutto pulita.

 

L’unico neo risulta essere la gravità nettamente inferiore rispetto a quella solare, dunque si dovranno raggiungere temperature più elevate per forzare gli atomi a combinarsi, mantenendo la medesima posizione durante lo svolgimento del processo. Un’altra metodologia, utile a mantenere stabile la reazione, consiste nell’iniezione di plasma nel reattore, tenendolo in posizione con l’utilizzo dei campi magnetici, generati dallo stesso plasma in movimento.

 

I cinesi dell’EAST affermano di aver raggiunto la temperatura record grazie a varie recenti tecnologie per il riscaldamento e controllo del plasma, aggiungono però che sono riusciti a mantenerla per soli 10 secondi circa.

 

Boris Zarcone

 

Nella foto di copertina, il modello East realizzato in Cina

Ciao a tutti! Mi chiamo Boris Zarcone ed attualmente studio informatica presso l’ITIS Meucci di Firenze. Avete ragione, il mio percorso di studi non ha niente a che vedere col giornalismo, ma fin da piccolo coltivo questa passione. A 14 anni apro un blog personale che tratta tecnologia, il quale mi consente di creare un minuscolo network dal quale venni contattato per scrivere in blog più grandi. Attualmente offro un contributo su Wikinotizie e scrivo per Il Punto Quotidiano.
Curo inoltre un mio blog personale nel quale tratto notizie di ogni genere.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi