//Il calcio è la madre di tutte le stupidità

Il calcio è la madre di tutte le stupidità

di | 2018-12-08T11:49:11+01:00 9-12-2018 7:00|Punto e Virgola|0 Commenti
Il calcio è il gioco più bello del mondo. Affermazione non sempre vera, anzi spesso falsa. Certo piace a moltissime persone e ha ampliato i suoi confini praticamente in ogni angolo del pianeta (anche la Cina ormai è entrata a pieno titolo nell’universo pallonaro e l’India, con un po’ più di fatica, ci sta provando), ma non riesce a perdere quelle connotazioni violente che lo declassificano a spettacolo di infima categoria.   Sono tante le contraddizioni di una macchina che, in Italia e non solo, produce divertimento, stimola passioni e macina soldi (e debiti). L’altra sera, durante il minuto di raccoglimento prima di Juventus – Inter in memoria di Gigi Radice (allenatore che aveva portato il Torino allo scudetto) si è sentito qualche fischio isolato ma poi per fortuna è partito l’applauso collettivo di tutto lo stadio a zittire gli imbecilli di turno. Accade solo in Italia, poi, che in occasione delle partite della Nazionale si fischi l’inno dell’avversaria di turno. Ma che senso ha? A che serve? Purtroppo – come tutti ben sappiamo – la mamma degli stupidi è sempre incinta ed è anche protagonista di parti (pluri)gemellari.   La settimana scorsa in diverse circostanze sono stati lanciati messaggi di augurio a Gianluca Vialli, del quale si era appena saputa la notizia che aveva combattuto per mesi contro un tumore al pancreas. Adesso l’ex attaccante della Sampdoria, della Juventus e dell’Italia sta bene e ha vinto la sua battaglia: molti tifosi lo hanno incoraggiato a resistere e gli hanno manifestato la loro vicinanza. Praticamente nelle stesse ore, a Firenze sono apparse scritte vergognose  che oltraggiavano la memoria di Gaetano Scirea, uno dei calciatori più corretti che abbia mai calcato i prati verdi; oltre a farneticanti messaggi in cui si inneggiava alla strage dell’Heysel. Roba da far rabbrividire… E qui non c’entrano il tifo o l’idiosincrasia verso certi colori (nel caso specifico  i fiorentini contro gli juventini): qui contano solo l’educazione e il rispetto verso chi non c’è più.   Il fatto è che – come si dice dalle parti di chi scrive – il pesce puzza sempre dalla testa. Se Douglas Costa sputa in faccia un avversario (purtroppo è avvenuto spesso anche in passato e con protagonisti anche alcuni celebratissimi campioni italici) non merita 3 o 4 giornate di squalifica, ma 3 o 4 mesi di inattività forzata, con tanto di sospensione dello stipendio. E poi vediamo se ci prova a rifarlo. Siccome però le immagini arrivano dappertutto, ecco che certi “esempi” fanno scuola. Basta andare su un qualunque campetto di periferia a vedere una qualunque gara di campionati giovanili per rendersi conto che la maleducazione è molto diffusa. E nella classifica della stupidità i primi due posti  sono occupati da babbi e mamme dei piccoli protagonisti. Tutti tecnici di primissima qualità, tutti insultatori di professione, tutti pessimo esempio di educazione e di comportamento. Diceva benissimo Paolino Pulici (ex attaccante del Toro): “I ragazzi delle giovanili dovrebbero essere tutti orfani”. Oppure ci vorrebbe un Daspo per impedire ai genitori l’accesso agli impianti sportivi. In Inghilterra hanno risolto con le celle negli stadi: chi sbaglia va direttamente dentro. Magari fosse così anche in Italia….   Buona domenica (anche calcistica).

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi