//Hopper racconta l’esperienza interiore

Hopper racconta l’esperienza interiore

di | 2018-11-11T08:35:10+01:00 11-11-2018 6:10|Arte|0 Commenti
NAPOLI – Desiderio, attesa, nostalgia, solitudine, colori vividi netti sguardi rivolti verso l’esterno, alla ricerca di un riscatto. Edward Hopper ( Stati Uniti 1882-1967) racconta l’esperienza interiore dell’essere umano. Il tormento di un’attesa, di una mancanza. Spesso sono donne sole e anche se in coppia, si racconta comunque la solitudine, l’incomprensione, le parole non dette: i silenzi. I suoi dipinti sono la trasposizione pittorica del flusso di coscienza di James Joyce.  Le figure rappresentate non dialogano fra di loro ma pensano e vivono la propria personale insoddisfazione del reale in attesa di  un meglio che dovrà venire; una rappresentazione solo apparentemente statica, ma che invece segue il fluire del pensiero interiore. I colori netti hanno una vivacità che non tradisce una serenità d’animo, traspare una speranza di riscatto, una possibilità di soddisfare un desiderio fosse solo nell’attesa dello stesso. C’è sempre una finestra, una soglia, un finestrino di treno, una strada deserta che fornisce una via di uscita ad un’angoscia interiore. Un rapporto intrinseco tra il dentro e il fuori, emblema di ciò che si è e ciò che si pensa. C’è spesso una luce che entra e che illumina la figura, verso cui la stessa volge il suo sguardo. Hopper conosce ed ama l’animo femminile, ne rappresenta i tratti interiori, le sue donne sono sempre eleganti nel comportamento, composte, mai sopra le righe, moderne nella loro ricerca di affermazione. Stanze vuote con lo sguardo di chi guarda rivolto  verso un uscio. I colori pastosi, vividi, compatti lineari che rassicurano, così come il blu intenso dell’oceano, mai in tempesta, cosí da poterlo navigare a vela. In definitiva i suoi dipinti raccontano il reale, il quotidiano di gente comune che racchiude la complessità dell’uomo e la sua continua ricerca di senso.

Angela Ristaldo

Nella foto di copertina, un’opera di Edward Hopper

Sono un’insegnante di scuola primaria, laureata in lingue, da anni mi occupo del giornale scolastico con un gruppo misto di alunni dai 10 ai 13 anni. Vivo a Napoli ed insegno in una scuola cosiddetta ‘a rischio’; ma ritengo che l’unico rischio che si corre sia non educare alla bellezza e al positivo che c’è ovunque. Amante dell’ Arte e curiosa della realtà che ci circonda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi