//Ffi e Vivaisti, insieme aiutano i boschi

Ffi e Vivaisti, insieme aiutano i boschi

di | 2020-06-28T06:46:58+02:00 28-6-2020 6:37|Controluce|0 Commenti

Merito di questo periodo di restringimento forzato della libertà di muoversi o della assunta consapevolezza che ambiente e salute camminano di pari passo, adesso per molti non basta più difendere la natura, la terra in cui viviamo e i luoghi dove dovranno crescere i nostri figli e i nostri nipoti. Papa Francesco nei primi giorni della pandemia da Coronavirus ebbe a dire: “Credevate di vivere sani in un mondo malato?”. Giusta domanda, il nostro pianeta sta soffrendo, è necessario curarlo ma ancora più necessario è progettare azioni che non sono solo riparazione e recupero ma anche sviluppo e riqualificazione di un mondo che chiede aiuto. Bisogna fare un passo in più, guardare avanti con interventi che devono ridare ossigeno – nel senso letterale del termine – alle speranze di un pianeta dove uomini, animali e piante possano vivere da coinquilini. La parola d’ordine deve essere biodiversità.
In molti già da tempo si stanno muovendo, in ogni angolo del mondo c’è chi lavora per un ambiente migliore. Piccoli passi che presto potrebbero diventare una corsa vittoriosa. E tra questi ci fa piacere evidenziare l’accordo siglato in questi giorni tra l’Associazione Vivaisti Forestali e il Fondo Forestale Italiano onlus, due associazioni autonome, indipendenti che operano nell’ambito della tutela e dello sviluppo ambientale.
Tra loro adesso esiste un accordo quadro di collaborazione su tematiche relative alla difesa dei boschi: protezione, recupero e biodiversità, argomenti che le accomuna e nelle quali sono entrambe molto attive.
Il presidente del Fondo Forestale, Emanuele Lombardi (nella foto, a destra) e il presidente dell’Associazione Vivaisti, Francesco Matraxia, viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda. “L’accordo, interpretando il concetto di biodiversità forestale al di là della protezione di singole specie o biotopi -sottolineano infatti – interesserà gli ecosistemi e il loro funzionamento e includerà i processi coevolutivi tra le componenti che li costituiscono”.
Le due associazioni attiveranno campagne di sensibilizzazione, informazione e azioni concrete per promuovere e sviluppare la tutela e la preservazione dei boschi e un maggiore rispetto nei confronti dei luoghi in cui viviamo. Il Fondo Forestale lo sta già facendo acquisendo le donazioni di terreni boschivi o acquistandoli grazie alle donazioni dei privati.
Un mondo migliore ci può essere.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi