//Cellulari appesi come cappotti in classe

Cellulari appesi come cappotti in classe

di | 2020-02-23T02:04:27+01:00 23-2-2020 7:10|Pensierino del Mattino|0 Commenti

Dei semplici pannelli di stoffa fissati al muro vicino alla cattedra con trenta taschini numerati in cui gli alunni devono riporre il loro cellulare, questa l’idea messa in pratica dall’Istituto Bona di Biella per gestire al meglio la delicata questione dei cellulari a scuola. L’idea è nata a seguito di un Erasmus della dirigente in una scuola olandese nelle cui classi erano presenti i pannelli. Questo ha portato la dirigenza e il suo staff ad alcune riflessioni e a verificare come si comportano alcune scuole europee dinanzi alla gestione del cellulare da parte degli studenti, questione oggi di grande attualità. Da settembre ogni aula ha questi pannelli contenitori nei quali gli alunni all’inizio delle lezioni devono riporre il proprio cellulare che può essere consultato durante gli intervalli e ripreso alla fine delle lezioni. Subito gli alunni hanno dimostrato fastidio, ritenendo difficile il distacco dal proprio telefono. Lo preferivano certamente nelle loro tasche. Ora è stato accettato e qualcuno di loro ha compreso che non c’è nessuna intenzione punitiva ma solo quella di abituarli alla corretta gestione del proprio dispositivo.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi