/, Spettacolo/Bumblebee, il cambio dei Transformers

Bumblebee, il cambio dei Transformers

di | 2019-01-06T08:06:03+01:00 6-1-2019 6:35|Sezione 8, Spettacolo|1 Comment

FIRENZE – La proiezione dell’anteprima dello spin-off dei Transformers porta una importante novità: la nota saga sembra aver preso una deviazione. Da un eccellente script di Christina Hodson e con una fenomenale regia di Travis Knight, Michael Bay si trova tagliato fuori dal set, ma incluso come producer, di uno dei film che porta avanti, o per meglio dire indietro, la storia della sua saga.

 

Ambientato nel 1987, racconta l’incontro tra una ragazza ed un robot alieno soprannominato Bumblebee, gli avvenimenti riportano alla mente E.T.  (la pellicola diretta da Spielberg), dalla quale riprende atmosfera e intimità tra i due protagonisti. Al tempo stesso ricuce le critiche del pubblico, alimentate dall’ipotesi che Bumblebee si trovasse sul pianeta terra già da tempi antichi prendendo parte alla guerra contro i nazisti, dimostrandosi un feroce combattente. Potrebbe quindi rivelarsi una geniale trovata commerciale, che vuole far leva sull’empatia del suo pubblico, travestendo il maggiolino giallo, di paura e insicurezza. Il robot arriva sulla terra per scappare dalla guerra con i Decepticon, che non tardano a localizzarlo raggiungendolo sul nostro pianeta.

 

Spettacolari le sequenze di lotta tra Bumbleebee, considerato pericoloso dagli umani, e i Decepticon, i quali riescono a convincere i militari che la vera minaccia è l’amico dagli occhi azzurri della protagonista, che lo affiancherà costantemente fino alla fine.

 

Il film avvicina grandi e piccini, unendo due generazioni lontane ed evidenziando il legame creatosi tra i due protagonisti, grazie alle storie pregresse: una solitaria ragazza appassionata di auto e un robot impaurito sfuggito alla guerra che ha distrutto il suo paese.

 

Boris Zarcone

Nell’immagine di copertina, una scena del film

 

Ciao a tutti! Mi chiamo Boris Zarcone ed attualmente studio informatica presso l’ITIS Meucci di Firenze. Avete ragione, il mio percorso di studi non ha niente a che vedere col giornalismo, ma fin da piccolo coltivo questa passione. A 14 anni apro un blog personale che tratta tecnologia, il quale mi consente di creare un minuscolo network dal quale venni contattato per scrivere in blog più grandi. Attualmente offro un contributo su Wikinotizie e scrivo per Il Punto Quotidiano.
Curo inoltre un mio blog personale nel quale tratto notizie di ogni genere.

One Comment

  1. Tania Barcellona 8 gennaio 2019 at 14:53 - Reply

    Congratulazioni

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi