//Il Pallone d’oro

Il Pallone d’oro

di | 2020-01-14T16:49:43+01:00 14-1-2020 16:49|Alboscuole|0 Commenti
di Nicola Catania e Vincenzo Matera (redazione)   Il Pallone d’oro, noto in precedenza anche come Calciatore europeo dell’anno, è un premio calcistico istituito nel 1956 dalla rivista francese France Football, ma soprattutto dallo stimolo Il primo premio venne assegnato, attraverso i voti della stampa specializzata all’inglese Stanley Matthews. Dalla sua creazione e fino all’edizione 1994 il regolamento imponeva che l’ambito vincitore dovesse essere di nazionalità europea per poter aspirare al premio. Nonostante tale limitazione geografica, in breve il Pallone d’oro divenne il premio individuale più ambito della disciplina. In questi decenni emersero nell’albo d’oro soprattutto gli olandesi Johan Cruyff di Ajax e Barcellona, e Marco van Basten del Milan. L’unico portiere ad aver vinto il pallone d’oro fu Lev Jasin della Dinamo Mosca nell’edizione 1963. Anche se ancora tutt’oggi il portiere che rende particolarmente più di altri vince proprio il premio JASIN ispirandosi proprio al celebre portiere sovietico. L’edizione 1995 segnò un importante punto di svolta per il Pallone d’oro, quando cadde la discriminante della nazionalità europea, aprendo quindi l’accesso al riconoscimento anche ai giocatori extraeuropei. Tale novità si riflesse immediatamente nell’albo d’oro: proprio in quell’anno il liberiano Weah del Milan fu il primo e fin qui unico rappresentante dell’Africa a essere insignito del premio, mentre l’edizione 1997 vide il primo trionfo ufficiale del Sudamerica con Di Stéfano, Sívori e con il brasiliano Ronaldo dell’Inter. Al giorno d’oggi il giocatore con più titoli è l’argentino Lionel Messi, con ben 6 palloni d’oro.