//Giochi matematici, Sara Veroni, Classe 3^H, Scuola secondaria di Primo grado

Giochi matematici, Sara Veroni, Classe 3^H, Scuola secondaria di Primo grado

di | 2019-04-14T20:39:05+02:00 14-4-2019 20:39|Alboscuole|0 Commenti
Giochi matematici √4   0   (13,67+5,33)  !   “Quando riceve qualche telefonata sul suo cellulare, Amerigo gli fa fare almeno tre squilli prima di rispondere. Non più di quattro, però. Questo pomeriggio gli squilli sono stati 17 e Amerigo ha poi, tutte le volte, risposto. Quante telefonate ha ricevuto Amerigo?     Questo era solo un assaggio dei problemi che, chi il 16 marzo si trovava alla cittadella Universitaria di Cagliari come partecipante, ha assaporato…   Come ogni anno in tutta Italia e non solo, si sono svolte le semifinali dei giochi matematici della Bocconi, dove si sfidavano, solo nella cittadella universitaria, 3900 concorrenti.   Tutti i concorrenti di tutte le categorie si sono trovati nei punti di chiamata alle 13:00, dove ad aspettarli c’erano dei ragazzi con un cartello giallo che indicava ciascuno: categoria, edificio e aula, da che cognome a che cognome bisognava seguire il ragazzo preposto ad accompagnarci. Eravamo divisi in ordine alfabetico.   Una volta che hanno chiamato il “cognome a cognome” dove rientrava il tuo, (i più fortunati hanno trovato il loro cognome), ci hanno portato nel nostro rispettivo edificio, dove abbiamo aspettato un po’ prima dell’arrivo del “professore” per fare l’appello e farci sedere nei banchi. Dopo averci dato qualche informazione riguardante il regolamento, le coordinatrici ci hanno dato il foglio delle risposte e un foglio bianco dove fare i calcoli. Per ultimo, ci hanno distribuito il foglio dei problemi che dovevamo risolvere. La prova è iniziata per tutta Italia alle 14:30, ed è finita alle 16:00  per la categoria C1, e alle 16:30 per la mia categoria (la C2) e tutte le altre. Dalla prima media alla seconda media si è categoria C1, dalla terza media alla prima superiore categoria C2, vi sono anche altre categorie che alla nostra scuola però non interessano. Ogni categoria ha dagli 8 ai 10 problemi da risolvere con difficoltà crescente: la C1 aveva i problemi dall’1 al 10, la C2 dal 3 al 12…   Per partecipare ai giochi matematici non serve una preparazione specifica, in quanto problemi di logica, sono basati sul “ritenta sarai più fortunato (forse)”, a volte bisogna fare tentativi su tentativi per arrivare a una risposta… ma quando ci arrivi è una soddisfazione indescrivibile! Sono adatti alle persone che vogliono mettersi alla prova e alle quali piacciono gli enigmi.   Ci sono quelli che dicono “Basta!” al primo esercizio, quelli che finiscono in mezz’ora e quelli che sfruttano tutto il tempo a disposizione. Se posso dare un consiglio, direi che non bisogna farsi prendere dal panico,  bisogna leggere bene le consegne; la fretta la maggior parte delle volte non aiuta perché, se anche si fa un buon tempo, non vuol dire che i problemi siano giusti e non vuol dire che in classifica si è primi… certo, il tempo conta nella graduatoria, ma prima di tutto sono importanti i punti totalizzati.   Sara Veroni, Classe 3^H, Scuola secondaria di Primo grado

Lascia un commento